martedì 17 luglio 2018

LA MEDIOCRITÀ

Non si compra ne si vende , le notizie provenienti da Moena non sono proprio confortanti , a breve giungerà la sentenza da parte del TAS relativamente alla vicenda del Milan , insomma siamo in attesa  e una inversione di marcia è alquanto improbabile .
Personalmente sono dispiaciuto , non chiederei mai di portare Cristiano Ronaldo sulle rive dell’Arno,   con 37 milioni di attivo la Fiorentina può fare ben poco sul mercato , qualche pezzo importante come Chiesa dovrà essere sacrificato e i ragazzi della primavera verrano fatti tornare nella loro dimensione invece di valorizzarli come succede a Bergamo .
La dirigenza non vuole fare alcunché , è evidente , vivacchia e prende in giro una intera città che vive per questa squadra .
I fallimenti di Bari e Cesena saranno utili per qualche sconosciuto in arrivo , Corvino di sicuro agirà così , siamo nella mediocrità .

lunedì 16 luglio 2018

DA QUALCHE PARTE

Ci sono dei giorni in cui vorrei riavvolgere il nastro di questa vita , ma a cosa servirebbe ? Ad aumentare il dolore per gli errori commessi ? A passare altre notti con lo sguardo rivolto verso il soffitto ?
Ho una certezza seppure molto piccola : da qualche parte vive una famiglia felice composta da padre, madre e due figli che ama passare del tempo assieme a ridere , scherzare e vivere in armonia nonostante le difficoltà .
Sono convinto che festeggiano assieme ai parenti il Natale , la Pasqua e i compleanni , la domenica durante la bella stagione  usano le biclettte , nel periodo estivo si dirigono al mare o in montagna per rilassarsi , talvolta escono a cena in pizzeria coinvolgendo i figli degli amici e poi vanno al bowling per una partita .
È bellissimo vederli in gelateria mentre ordinano coni , coppette o granite , li puoi osservare al bar mentre gustano brioches inzuppate nei cappucci .
Sono allegri anche quando caricano la loro station wagon per una gita fuori porta , non conoscono i musi lunghi , affrontano la vita aiutandosi l’uno con l’altro , prima di dormire si abbracciano con dolcezza .
Purtroppo tutto questo è una utopia , gli ultimi 12 anni non hanno avuto alcunché di quanto ho descritto , ma debbo lottare , qualcosa vorrei realizzarla seppure piccola .
Sarebbe un successo non temporaneo ma duraturo e darei un altro senso alle giornate che scorrono .
Le consuetudini non avrebbero scampo , vincerebbe l’armonia unita all’equilibrio .


domenica 15 luglio 2018

MATURA L’ESPERIENZA

Sono rimasto piantato a un ritmo più blando e non cerco scusanti , i 35 minuti di allenamento al mattino forse si sono dimostrati poco opportuni , il resto lo ha compiuto il gran caldo che grazie ad una doccia veloce si è dissolto .
Al termine mi sono seduto fuori dagli spogliatoi su una sedia guardando il cielo limpido ma ho ripensato a quei metri finali quando un amico mi è venuto incontro .
Sono rimasto piacevolmente sorpreso perché rappresenta un apprezzamento su quanto stiamo svolgendo , ognuno con i propri ritmi porta avanti quanto è stato scritto su carta tre settimane fa , ci sosteniamo nei momenti complicati e la motivazione è alta .
Altri amici si sono sorpresi di quanta sintonia ci sia tra di noi , è sufficiente uno sguardo per porre in atto il piano studiato , la preparazione sta ricostruendo i muscoli usurati nei mesi precedenti e certi automatismi torneranno.
Si continua così e senza tregua , una domenica di riposo serve come il pane , bisogna avere l’umiltà di non esagerare , tra qualche mese la continuità sarà più alta , per ora accontentiamoci di qualche accelerata , nel caso di qualche caduta sarà solo una esperienza maturata .

giovedì 12 luglio 2018

UNA FINALE IN SALOTTO

Il 12 è da sempre un numero speciale per quanto mi riguarda , è il giorno in cui sono nato , è il mese in cui è nata mia madre , era stampato sulla maglietta di Van Basten quando l’Olanda vinse l’unica rassegna per nazioni della sua storia e da oggi ha un’altra valenza.
Si riparte di nuovo e stavolta deve essere quella definitiva , ci sarà molto da lavorare durante questo fine settimana ma ho tanto entusiasmo .
Inoltre ho una garetta nel pomeriggio di sabato , domenica all’ora di cena  la finale dei mondiali vedrà di fronte Francia e Croazia , nel 1998 si affrontarono in una semifinale ricca di suspence , segnò una doppietta Thuram rispondendo al vantaggio avversario firmato da Suker che poi diverrà il miglior realizzatore della manifestazione .
Le Blues sono favoriti ma sull’altra sponda c’è tanto talento in ogni reparto , guarderò la gara in salotto davanti a una bella pizza fumante , in qualche  modo debbo ripartire , mentre mi addormento guardo fuori dalla finestra , respiro l’aria estiva e per qualche ora i problemi saranno lontani .

mercoledì 11 luglio 2018

VAI A SALUTARLO

Quando giocavo a tennis vinsi una partita molto lottata in torneo , ero così sconvolto che dimenticai di salutare l’avvesrsario , quel giorno il babbo con un cenno me lo ricordò e repentinamente verso quel signore e gli strinsi la mano .
“ Hai vinto due volte oggi , si fa così bravo “ fu il commento del Babbo mentre rientravamo a casa , era più fiero di quel gesto di educazione che del risultato della partita .
Non ho mai dimenticato quell’insegnamento , al termine di ogni gara se ho l’occasione di imbattermi in qualcuno dei partecipanti lo saluto stringendogli la mano .
Talvolta un gesto del genere fa più clamore di una premio vinto , è un insegnamento raro che dovrebbe essere riscoperto al posto di atteggiamenti senza un costrutto basati sull’apparenza , se poi gli astanti notano tutto ciò il cerchio si chiude , vinci anche se arrivi ultimo.
Avevano ragione Claudio , Sandra e Cesare : il “nostro tracciato”  è una scuola di vita , lo capisci se lo affronti assieme agli altri centisti , grazie a loro diventi più malleabile e i musi lunghi sono sostituiti dai sorrisi .

martedì 10 luglio 2018

LA PRIMA FIORITURA

La vostra arroganza e presupponenza si cancella in un modo solo : il silenzio .
Ve lo brandirò quando ci incontreremo perché prima o poi accadrà , nel frattempo piazzo una nuova tessera nel mosaico ossia una staffetta ad una velocità assurda per i mezzi che possiedo .
Mi ero pure portato un pupazzo di Spiderman e credevo di mettere in piedi un teatrino che nel pregara è ben riuscito ma quando è giunto il mio turno come staffettista non ho avuto pietà .
Sapevo che ero ultimo ma volevo che si capitalizasse quanto svolto negli ultimi 10 giorni , ci metto l’anima , sono scatenato , recupero un primo concorrente e poi al giro di boa vedo l’altro in lontananza , decido di scattare in maniera ancora più determinata , a 500 metri dal traguardo lo supero , mentre sto per varcare la finish Line mostro il pupazzo con un sorriso a 32 denti, metto in vista il pettorale , termino , consegno il bastoncino del testimone e faccio il solito saltino .
È una liberazione che attendevo da mesi , il lavoro ha pagato ancora una volta seppure sia passato poco tempo da quando ho ricominciato seriamente .
E poi c’era lei ad attendermi con quel sorriso stupendo , ha corso in condizioni precarie ma pur di stare vicini non si è tirata indietro, nella sua semplicità mi regala ogni giorno momenti tenerissimi .
Grazie di esistere .

sabato 7 luglio 2018

LA DUTTILITÀ DEL BELGA

Non è una sorpresa come l’eliminazione della Germania , ma la vittoria ottenuta dal Belgio sul Brasile rappresenta l’ennesimo fallimento dei verdeoro nelle competizioni internazionali .
Non sono sorpreso da questa generazione di giocatori in maglia rossa , uniscono qualità a quantità , li ha amalgamati alla perfezione Martinez il quale ha saputo come colpire il Brasile sui lati deboli , su Hazard non mi esprimo , parla il suo talento , invece De Bruyne mette in mostra una tale duttilità nella copertura dei ruoli che sembra un appartenente alla generazione olandese degli anni 70 .
Era da tempo che attendevo un giocatore del genere , Conte non ci rinuncia mai viste le sue capacità in ogni zona del campo .
Infine c’è quel grande portiere di Courtois che con vari interventi ha contribuito a portare il Belgio in una semifinale mondiale dopo 32 anni .
Si prevede spettacolo nella prossima partita e non le simulazioni di Neymar .